Buccinasco, Sessualità e affettività nella disabilità cognitiva

Con il patrocinio e il sostegno economico l’associazione Ugualmente Artisti promuove un progetto sul tema della sessualità nelle persone con disabilità, rivolto a familiari di bambini, adolescenti e adulti. Incontri gratuiti alla Cascina Robbiolo di via Aldo Moro con prenotazione obbligatoria

Buccinasco (19 novembre 2021) – Nasce un nuovo progetto a sostegno delle famiglie con ragazze e ragazzi con disabilità. Con il patrocinio del Comune di Buccinasco, l’associazione Studio Danza e Oltre Ugualmente Artisti propone incontri gratuiti sul tema “Sessualità e Affettività nella Disabilità Cognitiva”, con la consulente pedagogica Sara Balducci che ha creato il Progetto Disex
La risposta a un bisogno delle famiglie per offrire loro un supporto concreto ai propri figli nella gestione delle emozioni, delle relazioni interpersonali e della sessualità. 

Il progetto, finanziato dall’Amministrazione comunale, è gratuito per le famiglie. I primi incontri si terranno lunedì 29 novembre e lunedì 13 dicembre alle ore 20.30 alla Cascina Robbiolo di via Aldo Moro 7 a Buccinasco e saranno aperti a tutti i genitori con figli con disabilità cognitiva (massimo 40 persone a serata). In seguito, per chi ne sentirà il bisogno partirà il progetto dedicato ai ragazzi in piccoli gruppi per affrontare e spiegare i cambiamenti del loro corpo e aiutarli a gestire le loro emozioni. 

“Questo progetto – dichiara Rosa Palone, assessora al Welfare – nasce dall’ascolto che insieme al servizio sociale del Comune sto portando avanti con molte realtà associative che si occupano di disabilità a Buccinasco. Il tema della sessualità è ancora un tabù nel nostro Paese e lo è ancora di più per le ragazze e i ragazzi con disabilità. Un bisogno naturale di cui nessuna istituzione si occupa, così il disagio rimane inascoltato all’interno delle famiglie che non sanno come aiutare i propri figli. Ringrazio Patrizia Cribiori che ci ha fatto questa proposta da noi subito accolta. Un piccolo passo per iniziare a fare qualcosa di utile per aiutare i genitori si trovano a vivere queste difficoltà”. 

“Da mamma – aggiunge Patrizia Cribiori, presidente dell’associazione Studio Danza e Oltre Ugualmente artisti – ho pensato spesso a quanto sia difficile affrontare i temi di affettività e sessualità e confrontandomi con alcuni genitori di Ugualmente artisti mi sono resa conto di quanto le difficoltà aumentino per ragazze e ragazzi con problemi cognitivi che spesso non sanno come gestire stati d’animo e impulsi. La pedagogista che seguirà il progetto ha creato il percorso Disex proprio dedicato a loro”. 

Per prenotazioni e informazioni: 
Tel. 339 1788094
Mail: ugualmente_artisti@libero.it

INGRESSO GRATUITO CON GREEN PASS

IL PROGETTO DISEX
ll tema della sessualità all’interno di contesti educativi con persone con disabilità è estremamente attuale, complesso ed importante. Il dibattito è ricco di nuovi stimoli e, più aumenta la consapevolezza di questo bisogno fondamentale della vita dell’individuo, più si percepisce con urgenza il bisogno di prendersene cura. 
Progetto Disex sostiene che il legittimo riconoscimento della sessualità di una persona, con annessa la possibilità di avere relazioni interpersonali, sia prima di tutto una formidabile risorsa di sviluppo e crescita individuale, pertanto, desideriamo sostenere genitori e operatori del settore a prendersi carico di questo bisogno e della richiesta che ne deriva.
Da www.sarabalducci.it 


Ufficio stampa Comune di Buccinasco 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.