Non vinceranno “loro” Buccinasco contro tutte le mafie

Nelle prossime pagine, con lo speciale “Intrecci culturali” e con le altre iniziative proposte dalla nostra Amministrazione, leggerete della grande ricchezza di Buccinasco. La ricchezza delle associazioni e della comunità che finalmente si ritrova a teatro, riprende i corsi dell’università da 0 a 100 anni, partecipa con i propri figli ai laboratori, alle lezioni di musica, alle iniziative della biblioteca. O già si organizza per rendere solidale e inclusivo il Natale. Questa è la vera Buccinasco.

La nostra Buccinasco che vogliamo far crescere e far rivivere. Quella che occupa in modo virtuoso gli spazi pubblici, penso ai ragazzi che qualche giorno fa hanno organizzato il Bucci Jam, un torneo di basket nel campetto di via Marsala che abbiamo riqualificato con il Piano Quartieri. E penso alle villette confiscate alla criminalità organizzata di via Tobagi dove è in partenza il primo progetto sociale. O all’isola digitale in via di realizzazione al parco Spina Azzurra.

Questa è la vera Buccinasco. La nostra Buccinasco!

Ma Buccinasco non è solo questo. Lo sappiamo, lo abbiamo sempre saputo. E ora nessuno può più far finta di non sapere, perché proprio nei pressi del nostro amato parco Spina Azzurra, alle 10 di un lunedì mattina, è stato freddato un uomo a colpi di pistola. Ne hanno parlato giornali, tv, radio, testate on line, social. Molti di voi lo hanno visto, perché passavano di lì con l’auto o a piedi, perché abitano lì vicino, perché passeggiano in quelle vie.

Mentre scrivo, non sappiamo come stiano procedendo le indagini, noi abbiamo messo immediatamente a disposizione le nostre oltre 70 telecamere che registrano chiunque entri o esca da Buccinasco. Le forze dell’ordine e la magistratura sono al lavoro per far luce su una vicenda che ha lasciato tutti sgomenti, perché un fatto di sangue, un’esecuzione in pieno di giorno, a Buccinasco non accadeva da decenni, perché qui le cosche hanno preferito fino ad oggi agire sotto traccia, senza far troppo rumore.

Lo chiedevamo ieri e lo ripetiamo oggi. Non lasciateci soli, lo Stato potenzi i controlli, investa sulle forze dell’ordine per un presidio massiccio del territorio, tuteli gli enti locali e le comunità. Ho convocato la Commissione antimafia comunale per il 21 ottobre, invitando anche i componenti della Commissione intercomunale in via di costituzione.

Ci saranno anche i sindaci della Città metropolitana di Milano all’incontro del 28 ottobre già in programma alla Cascina Robbiolo nell’ambito dalla rassegna “Buccinasco contro le mafie”. Partecipate, partecipiamo numerosi.

Rino Pruiti
Sindaco di Buccinasco

allegato Buccinasco informazioni formato PDF clicca QUI per leggere tutto 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.