4 commenti

  • Romano

    Sono stati in molti, Sindaci a fallire, e non solo loro Era già scritto a caratteri cubitali; e a darne conferma sono le tante, troppe,morti. Un segnale di sconfitta, senza neppure l’onore delle armi. E sembra quasi che ognuna di esse, sia li a testimoniare, e a condannare, con tutta la malinconia, la pietas del caso, gli scellerati approcci, l’incapacità, il fallimento totale, per non dire criminale, condotto fin d’ora di chi non ha saputo gestire questa orribile pandemia.

    E quando finalmente la morte se ne andrà in “vacanza” e i contagi scemeranno, (perché prima o poi ciò averrà come con la Spagnola) governo, le regioni, amministrazioni locali, si intesteranno il successo e autoproclamazione, della vittoria sul virus.

    L’importante per lor signori, sarà di necessità, far dimenticare presto e subito, “metterci una pietra sopra” all’orrore, alle sofferenze delle vittime, alle loro mancanze, agli errori, e sottovalutazioni su questa epidemia, e far apparire il tutto, come fosse stato, solo un brutto sogno.

    Così va in Italia.

  • Anonimo

    Basta considerare quanto segue:
    l’Italia ha circa 60 milioni di abitanti e ha avuto più di 30.000 morti, mentre la Germania ha circa 80 milioni di abitanti e ha avuto meno di 10.000 morti

    Quindi più di 20.000 persone, morte, hanno avuto la sfortuna di essere cittadini italiani.
    E, tra i restanti italiani, diversi milioni, me compreso, si ritengono ancora sfortunati di essere cittadini italiani, e non mi riferisco solo alla sanità (disservizi a 360 gradi, burocrazia, malaffare, corruzione, mafie, analfabetismo dilagante)

  • Matteo

    Sindaco, ha tutta la nostra vicinanza. É scandaloso.
    A parte la situazione in ats, vogliamo e dovrebbero essere pubblicati i nomi di questi fantomatici medici “obiettori”!
    Non si trovi la scusa delle code, un buon calendario risolverebbe il problema, se non la visita a domicilio come alcuni medici SERI di Milano & co stanno facendo.
    Qua ci arrampichiamo sugli specchi per evadere dalle proprie responsabilità.

    Purtroppo, la catastrofe e la disorganizzazione Italiana si vede anche da queste cose. Medici che non fanno i medici, lavoratori che non lavorono, e cosí via.

    Da lunedí al lavoro, se provassi ad usare la stessa scusa per non dover svolgere il mio dovere, non penso andrebbe a finire bene come per i nostri “mutualisti” intoccabili.

    Un saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.