#Buccinasco: 8 MARZO. NON CHIAMATECI VITTIME

L’assessorato alle Pari opportunità, in collaborazione con le associazioni del territorio, organizza tre serate gratuite (8-9-10 marzo) all’Auditorium Fagnana fra arte, cinema e teatro per celebrare le donne del passato e le donne di oggi e riflettere sulla violenza domestica

Buccinasco (28 febbraio 2018) – Celebrare le donne del passato e le donne di oggi che hanno reso speciale la loro vita attraverso le loro scelte personali donando il proprio tempo agli altri. Cominciano con ottimismo e speranza gli eventi gratuiti dedicati alla Giornata della Donna (8 marzo) organizzati dall’assessorato alle Pari opportunità del Comune di Buccinasco, nell’ambito della rassegna “Non chiamateci vittime” che ha visto i primi appuntamenti lo scorso novembre.

Giovedì 8 marzo all’Auditorium Fagnana, in collaborazione con la Scuola Civica di Musica “Alda Merini” e l’associazione Accademia dei Poeti Erranti, si terrà l’evento “Tracce di donna“. Un serata ricca di emozioni: gli allievi della Scuola di Musica canteranno le donne, alcuni ospiti racconteranno storie di donne del passato mentre donne del presente porteranno la propria testimonianza e descriveranno incontri significativi con altre donne. La serata avrà inizio alle ore 20 con l’aperitivo, cui seguirà lo spettacolo alle 20.45.

Venerdì 9 marzo appuntamento speciale con la rassegna cinematografica “Cinema, Mon Amour” a cura dell’associazione Gli Adulti: alle 21 in programma la proiezione del film di Ivano De Matteo “La vita possibile“, sul tema della violenza domestica, con Margherita Buy e Valeria Golino. Una storia di riscatto e rivalsa che ha per protagoniste due amiche. Anna abbandona la sua abitazione e la sua città insieme al figlio tredicenne per sfuggire a un marito violento; Carla, attrice squattrinata ma entusiasta, accoglie con generosità l’amica in difficoltà.

“…mille dollari per un bacio e cinquanta centesimi per la tua anima”. Terzo appuntamento, sabato 10 marzo alle ore 21: in scena “La forza fragile“, spettacolo teatrale curato dall’associazione Artènergia e nato da un progetto drammaturgico sulla vita di Norma Jane, meglio conosciuta come Marilyn Monroe, una donna apparentemente così fragile da decidere di abdicare alla vita, eppure diventata un’icona indiscussa, ancora oggi presente nell’immaginario femminile e maschile di tutto il mondo come la quintessenza della femminilità.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Rispondi