Buccinasco, chiuse tutte le strutture sportive comunali

Vista la situazione di emergenza, il sindaco ha firmato un’Ordinanza che stabilisce il divieto di utilizzo delle palestre per qualsiasi attività sportiva. Vietato l’utilizzo delle aree attrezzate per gioco e sport anche nelle aree condominiali (oltre che nei parchi pubblici come già previsto dall’Ordinanza regionale)
Buccinasco (8 marzo 2021) – Il numero dei contagi da Covid 19 è in aumento, oggi a Buccinasco se ne contano 110 e in tutto il territorio regionale, come è noto, dal 5 marzo è in vigore l’Ordinanza che prevede la chiusura delle scuole e il divieto di utilizzo di giochi e strutture sportive nei parchi pubblici, oltre che il divieto di recarsi in altre abitazioni o nella seconda casa e l’accesso a un solo componente per famiglia nei negozi. 

Per contenere la diffusione del contagio, in coerenza con l’Ordinanza regionale, oggi lunedì 8 marzo il sindaco di Buccinasco Rino Pruiti ha firmato anche un’Ordinanza valida sul territorio comunale che stabilisce la CHIUSURA di tutte le strutture sportive comunali (palestre scolastiche) con il DIVIETO DI UTILIZZO per qualsiasi attività sportiva al chiuso, anche quelle consentite dalla normativa vigente. 

La stessa Ordinanza prevede il DIVIETO DI UTILIZZO DI GIOCHI E ATTREZZATURE SPORTIVE all’interno delle aree condominiali, fatta salva la possibilità di fruizione da parte di persone con disabilità. 

“Chiudere le palestre dove i ragazzi giocano a basket e pallavolo o praticano arti marziali – spiega il sindaco Rino Pruiti – è una decisione sofferta ma riteniamo che in questo momento sia importante adottare tutte le misure necessarie per contenere la diffusione del virus con le sue varianti che colpiscono anche i più giovani. Regione Lombardia ha deciso di chiudere le scuole e crediamo sia coerente evitare i contagi anche nelle nostre palestre”. 

“Con la stessa coerenza – prosegue il sindaco – non si può pensare di utilizzare i giochi del proprio condominio se esiste un’Ordinanza regionale che stabilisce il divieto di utilizzo nei parchi pubblichi. Grazie ai volontari della Protezione Civile, le nostre aree gioco sono state nastrate e sono stati apposti i cartelli: chiediamo a genitori, nonni e ragazzi di comportarsi in modo responsabile. Non si possono usare, tagliare i nastri e strappare i cartelli non è corretto, non va bene per i vostri stessi figli che hanno il diritto di tornare a scuola al più presto”. 


Ufficio stampa Comune di Buccinasco 

7 commenti

  • Max

    Bene! Vediamo se a questo giro gli adulti rispetteranno le regole di convivenza, limitando anche all’interno dei cortili, locali box, spazi condominiali, l’assembramento da asilo Mariuccia, portando la mascherina nuova correttamente a coprire bocca e naso.
    Ricordo ai ns amici strafottenti che le regole sono valide anche negli spazi condominiali compreso l’ascensore

  • Paolo

    scusate, ho capito bene?
    il numero dei contagi a Buccinasco è 110 persone per tutto il periodo del covid, o solo per una giornata?
    In questo secondo caso mi sembrerebbe un numero enorme, speriamo di no

  • oggi 110 totali, aumentano i ricoverati che sono 6

  • IL Pilade

    Raga il mio amico raider, terrapiattista; si quello delle pizze; dice che abbiamo mandato il virus su Marte con il rover Perseverance. E se con tutte le varianti, se quella Marziana ritornerà sulla Terra avremo “L’invasione degli Ultracorpi”, allora si che saremo spacciati.

    Nel frattempo sperando in bene, ma è sempre sull’incazzato! e fa tappa per pisciare, da uno dei balconi del Bosco Verticale annunciando:
    “Fontana!Boeri! guarda come v’innaffio le vostree c@xxo di Primule!“.

    Soldi buttati.

  • Paolo

    scusa Rino, 110 totali per la sola giornata del 9 marzo, o per tutto il periodo covid fino ad oggi?
    Ti rinnovo i complimenti per il tuo impegno

  • 110 attualmente positivi

  • Pasquino

    Purtroppo si paga per l’ignoranza di quelli che “Io all’aperitivo, al Daiquiri non ci rinuncio”, “La mascherina mi soffoca meglio tenerla sotto il mento”, “il Covid non esiste è tutto un Gomblotto”. Troppi se ne vedono in giro così.
    Mentre noi non si sa dove sbattere la testa…con figli piccoli a casa e in più con la necessità di fare della didattica a distanza…VERGOGNOSO. Scuole chiuse, bambini piccolissimi inchiodati ad una sedia e… negozi e strade piene di persone che si assembrano come vogliono.
    Mentre i medici si lamentano perché i loro privilegiati figli non possono continuare ad andare in presenza a scuola. Ma è scritto nella Costituzione che il diritto allo studio sia riservato ai figli della classe medica? Con tutto il rispetto che si deve a chi lavora negli ospedali e in ambito sanitario, vorrei ricordare che si è soldati in tempo di pace e in tempo di guerra. Basta ipocrisie!

    Certo la situazione è difficile per gli Italiani. Non sapere dove lasciare i figli per andare a lavoro. Un grosso problema. Ma è ancora più grande per chi non sà come dare da mangiare e crescerli i figli, perchè ha perso il lavoro, o ha chiuso bottega, niente ristori, niente soldi. Allora, prendiamocela con chi ha voluto a tutti i costi governare questo paese e non ha previsto un cavolo secco di tutto ciò; perchè ignorante nel saper governare questi problemi prevedibilissimi. Paghiamo i nostri errori alle urne, la fiducia mal riposta. nella politica, nella capacità di governare, nell’esperienza mancante di ci urlava : “ Sconfiggeremo la povertà… Prima gli Italiani… e poi di scatole di tonno e di sardine… senza fare tesoro, di quello che è la grande università che è la vita. Ma abbiamo pensato che ben si operava, certo al massimo dello loro capacità. Ma quali erano le loro capacità ? Erano adatte ? Erano ferrate per affrontare i problemi che si paravano di fronte ? Queste risposte in parte le stiamo scontando e altre le pagheremo sulla nostra pelle. Da marzo scorso a oggi nulla è cambiato.
    Credo questa sia già la risposta esauriente e persuasiva .

    Cordialità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.