Al via il “Controllo del Vicinato” a #Buccinasco

Per favorire lo sviluppo della cultura della partecipazione nell’ambito della sicurezza, cittadini e gruppi di cittadini sono invitati ad alzare il livello di attenzione e segnalare eventuali situazioni anomale all’Amministrazione comunale

Buccinasco (15 novembre 2018) – Diventa concreto il progetto di Controllo del Vicinato promosso dalla Prefettura di Milano che nei mesi scorsi ha sottoscritto con numerosi Comuni del territorio, compreso Buccinasco, un Protocollo d’Intesa che disciplina le attivita’ e stabilisce le modalita’ d’azione.

L’obiettivo e’ “valorizzare al massimo la collaborazione con i cittadini che, in qualita’ di importanti e vigili sentinelle della legalita’, potranno contribuire all’innalzamento degli standard di sicurezza della propria comunita’, fornendo ogni informazione ritenuta utile alle Forze di Polizia statali e locali”.

Il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, su richiesta dei sindaci, esaminera’ periodicamente l’andamento dei fenomeni di criminalita’, degrado urbano e di disagio sociale, per attuare specifici piani di implementazione di controllo del territorio e del contrasto alla criminalita’.

Cosa faranno i cittadini coinvolti nel Controllo del Vicinato?

Svolgeranno esclusivamente azioni di osservazione, segnalando alla Polizia locale (attraverso i propri coordinatori) situazioni ed eventi attinenti la sicurezza urbana e il degrado sociale, tramite rete mobile. Astenendosi in ogni caso dall’assumere comportamenti incauti o imprudenti che potrebbero determinare situazioni di pericolo per se’ o per gli altri.

E’ esclusa qualsiasi iniziativa personale, ovvero qualunque forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio. I gruppi di cittadini coinvolti nel Controllo del Vicinato non dovranno mai sostituirsi alle Forze dell’Ordine: e’ loro compito esclusivo svolgere attivita’ di repressione e ricerca degli autori dei reati.

Rete di cittadini

Per avviare il progetto si invitano i cittadini interessati a inviare un messaggio tramite WhatsApp al numero 335 7668883 (messo gia’ a disposizione dall’Amministrazione comunale) indicando il proprio nome e cognome, l’indirizzo di residenza e l’eventuale volonta’ di candidarsi anche come “coordinatore” di un gruppo.

Dopo le opportune verifiche, si ricevera’ un messaggio di conferma e si potra’ iniziare a inviare le segnalazioni.

Il “coordinatore” avra’ il compito di gestire le segnalazioni pervenute dal gruppo che gli sara’ assegnato (per zona e quartiere). Sara’ poi suo dovere, in caso di necessita’, contattare le Forze dell’Ordine.

In presenza di situazioni che richiedano l’immediato intervento delle Forze dell’Ordine (furti, rapine, aggressioni), tutti hanno il dovere di chiamare direttamente il numero unico di emergenza 112.

“Nel rispetto Protocollo d’Intesa stipulato con la Prefettura – spiega il sindaco Rino Pruiti – avviamo in via sperimentale il Controllo del Vicinato, invitando i cittadini alla collaborazione e alla partecipazione attiva e responsabile. Sia chiaro, non vogliamo ronde ne’ sceriffi fai-da-te, ma, come precisa la stessa Prefettura, ‘sentinelle di legalita” che aiutino a prevenire fenomeni di illegalita’. Chi lo desidera, cominci pure a inviare eventuali segnalazioni, ma non prima di richiedere l’iscrizione al progetto indicando le proprie generalita’ in modo da poter condividere l’elenco dei cittadini responsabili anche con le Forze dell’Ordine”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

3 commenti

  • el pret de ratanà

    Vi ricordate il film:

    “Le vite degli altri?”

    Ebbene; qui siamo solo all’inizio.

    El pret de Ratanà (Monumentale della città campo 20 tomba 93A lato ovest)

  • l’Amministrazione non è arrivata con un po’ di ritardo? Estite già qualcosa di molto “simile”.

  • Peppe, non è simile, è diverso, quello che è simile può confluire dentro il progetto istituzionale, oppure continuare ad esistere per conto suo. Noi siamo lo Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.