#BUCCINASCO DEBITO FUORI BILANCIO, IL SINDACO PAGHIAMO ERRORI ALTRUI. ATTO FINALE DELLA “PORCATA DI ROBARELLO”

Il Tar della Lombardia ha stabilito che il Comune deve corrispondere all’Immobiliare Ovest un risarcimento di circa 17 mila euro per un ricorso riferito a fatti accaduti nel 2008, quando il Consiglio non confermo’ il Piano Integrato d’Intervento Romagna/Mantegna

Buccinasco (2 ottobre 2018) – “Ancora una volta siamo costretti nostro malgrado a pagare gli errori commessi dieci anni fa dall’Amministrazione Cereda eletta con i voti di Forza Italia, Alleanza Nazionale e Lega. In questo caso in particolare io c’ero e con altri fui promotore di una mobilitazione cittadina che porto’ a raccogliere 1200 firme in pochi giorni (arrivarono poi a 5 mila): si tratto’ di quella che allora definimmo ‘progetto porcata’ che per fortuna non ando’ a buon fine proprio grazie ai cittadini”. Queste le parole del sindaco Rino Pruiti che ieri sera in Consiglio comunale ha presentato la delibera per riconoscere un debito fuori bilancioOssia 16.863,86 euro da corrispondere all’Immobiliare Ovest per un ricorso al Tar presentato a gennaio 2009.

Dopo oltre 9 anni si conclude una vicenda iniziata nel 2008, quando era in carica il sindaco Loris Cereda. La sua Amministrazione aveva deciso, salvo poi cambiare idea, di approvare un Piano Integrato d’Intervento che avrebbe concesso all’Immobiliare Ovest srl di costruire nel quartiere Robarello 80 nuovi appartamenti a fronte della cessione al Comune di un’area agricola (PII Romagna/Mantegna). Secondo una perizia giurata l’area di via Mantegna (su cui avrebbero voluto costruire) valeva 5.830.824 euro, mentre il terreno agricolo 1.612.170.

Dopo la mobilitazione cittadina, anche alcuni consiglieri dell’allora maggioranza del Consiglio bocciarono il PII che quindi non fu approvato in via definitiva. Era il 22 luglio 2008. L’Immobiliare Ovest srl fece ricorso al Tar chiedendo l’annullamento della delibera di luglio nonche’ la condanna dell’Ente al risarcimento di 3 milioni e 450 mila euro.

La sentenza del Tar della Lombardia 1990/2018 pubblicata il 16 agosto 2018 in parte dichiara improcedibile il ricorso presentato dal’Immobiliare Ovest perche’ nel frattempo il PGT era stato annullato. In parte il ricorso e’ stato invece accolto “ritenendo che il Comune, con la condotta complessivamente tenuta, abbia ingenerato nella ricorrente un ‘incauto affidamento’ sull’approvazione in via definitiva del PII”.

“Allora tentarono un’operazione scellerata – aggiunge Pruiti – speravano di cementificare Robarello scambiando l’area edificabile di via Mantegna con il Fontanile Battiloca che gia’ era in uso al Comune grazie a una convenzione siglata da Carbonera. Riuscimmo a bloccare l’intervento e la maggioranza di allora ne usci’ con le ossa rotte. Ma ahime’ oggi tocca a noi pagare per quella tentata speculazione”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

5 commenti

  • GLI AMICI DI GUDO

    Triste, ecco cosa vuol dire votare a destra per ideologia

  • Ricordo la vicenda, ricordo bene che alcuni della maggioranza votarono contro, per fortuna quella porcata è stata bloccata anche dal dissenso di molti cittadini

  • Rino
    Almeno potresti riconoscere che l’amministrazione di allora tenne conto delle proteste dei cittadini
    Tu faresti lo stesso o tireresti dritto per la tua strada se ti trovassi di fronte a 1500 firme contro qualche tuo progetto ??
    Comunque una amministrazione seria farebbe ricorso al consiglio di stato o al presidente della repubblica come permette la legge
    Cosa fate pagate senza fare ricorso ?

  • Caro Albertino mio, ci é già abdata bene così, fidati… io nonbfaccio porcate, non rischio quindi nulla.

  • el pret de ratanà

    “Calma e cesso” nel pagare!

    Se alla “LegaLadrona” la magistratura ha deciso di far restituire i soldi spariti in comode rate cioè in 76 anni
    dovrebbe valere anche per noi
    18 euri al mese non un centesimo di più

    El Pret de Ratanà (Monumentale della città Campo 20 Tomba 93A lato ovest)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.