#Buccinasco: IL TAR RESPINGE IL RICORSO FATTO DA UNA DITTA ESCLUSA, CONDANNATA A PAGARE LE SPESE PROCESSUALI

A Buccinasco Italia la questione “verde” è sempre stata delicata, gli appalti di manutenzione ordinaria del verde pubblico (che è pari a 1 milione di metri quadrati) hanno sempre visto ricorsi al TAR vinti dai ricorrenti, problematiche di gestione, sanzioni e, spesso, una cattiva qualità del servizio erogato.

La “tradizione” si è ripetuta anche con l’ultima gara avvenuta durante il mio mandato di Sindaco che è cominciato il 27 giugno 2017, infatti chi è stato escluso ha fatto ricorso, ma il TAR gli ha dato torto certificando il corretto operato del comune di Buccinasco, abbiamo solo perso un paio di settimane, adesso i tagli dell’erba sono cominciati e si recupererà il tempo perduto, pioggia permettendo..

Il nuovo appalto è completamente diverso dai precedenti, suddiviso in lotti coinvolge più operatori, le sanzioni saranno molto più severe e il capitolato più puntuale rispetto a prima.

Faccio i miei complimenti al settore ambiente e territorio guidato dalla Dott.ssa Rossana Gnasso.

Ecco la sentenza clicca QUI pdf

Rino Pruiti

Sindaco & Assessore Ecologia e tutela ambientale

Buccinasco Italia

 

 

3 commenti

  • Che dire………. meglio di così, aggiungo però: verde OK ma strade con manto stradale rotto; ormai tutte le strade di Bucci sono così o sono prossime a diventarlo, ormai sono sotto gli occhi di tutti……si può fare qualcosa? Luigi

  • Rino scusa ma questa non è la sentenza finale
    È il rigetto della cosiddetta richiesta di sospensiva
    Dobbiamo attendere ancora il verdetto
    Chissà quando !!!!

  • No Alberto, per ora è sentenza finale , il TAR ha rigettato condannando a pagare spese, adesso possono fare ricordo al consiglio di stato, intanto l’appalto è valido, infatti stiamo recuperando le due settimane di fermo che ci hanno fatto perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.