BUCCINASCO – Lettera di Carbonera: abbiamo acceso la luce mentre in tanti, troppi, facevano finta di niente

maurizio carbonera

maurizio carbonera

Buccinasco – Il giorno 5 febbraio 2013 ho consegnato copia di una Lettera di precisazione, con la relativa documentazione comprovante, rispetto alla Relazione della “Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti” alla Vice-Presidente Senatrice Daniela Mazzuconi. Nei prossimi giorni spedirò il tutto al Presidente della Commissione.

In qualità di Sindaco del Comune di Buccinasco nel periodo 2002-2007, considerando che una parte della Relazione tratta di questo territorio e di questo periodo amministrativo, ho fatto alcune precisazioni nel merito ritenendo che quanto contenuto nella Relazione non corrisponda ai fatti così come accaduti.

La descrizione fatta dalla Commissione accosta notizie vere e fatti inesatti o mal interpretati ed in ogni caso ottiene l’effetto di indurre sospetti circa la correttezza dei comportamenti degli Amministratori Comunali e la mia in particolare.

Nello specifico nella Relazione della Commissione Parlamentare nelle pagg. 37 e 38 si fa riferimento all’area sita in Via della Resistenza – clicca QUI link interno – dove la criminalità ha operato abusivamente scarichi di rifiuti nel 2001 (durante Amministrazione Lanati). Dopo questi fatti sono state svolte delle attività di copertura con terra di coltivo (nel periodo di Amministrazione Commissario Prefettizio) ed è stato richiesto il loro pagamento, che non è MAI avvenuto (durante Amministrazione Carbonera). Vengono individuate anche delle violazioni della normativa ambientale, nonostante il fatto che nel PGT Carbonera l’area venga dichiarata come inquinata.

La Relazione della Commissione Parlamentare sulla situazione del mio Comune nel periodo 2002-2007, come si evince dalla mia Lettera e dai documenti che a questa ho allegati, riporta notizie non verificate e parziali. La stessa Relazione riporta contenuti in maniera superficiale ed offensiva. Non fa giustizia del coraggio, della serietà, della coerenza che sono risultati necessari nelle vicende che hanno interessato il nostro Comune. Essa ha contribuito ad attivare tutta una serie di voci e commenti sul territorio, anche tramite canali informativi come blog e social network, altamente diffamatori che hanno teso a strumentalizzare le affermazioni contenute all’interno della stessa.

In questi anni si è parlato di Buccinasco perché abbiamo acceso la luce mentre in tanti ed in troppi Comuni si fa finta di niente.

Ciò ci ha esposti a tante recriminazioni ed a tanti giudizi più o meno interessati a svilire, a negare, a contraffare.

Credo però che se si sono ottenuti dei risultati nella lotta alla criminalità organizzata su questo territorio, lo si deve soprattutto al contributo e alle numerose denunce operate dalla mia Amministrazione.

Maurizio Carbonera

Buccinasco, 6 febbraio 2013

Un pensiero su “BUCCINASCO – Lettera di Carbonera: abbiamo acceso la luce mentre in tanti, troppi, facevano finta di niente

  1. Pingback: #Buccinasco: ‘Ndrangheta, di nuovo annullata la sentenza di condanna «Cerberus» | Buccinasco – Rino Pruiti

Rispondi