Buccinasco Italia : Scuola materna Don Stefano Bianchi. L’ombelico del mondo

comitparrMentre l’Amministrazione Comunale e l’Amministrazione della Scuola materna Don Stefano Bianchi tentano faticosamente di trovare un accordo lavorando sulla nuova CONVENZIONE, il Comitato genitori della scuola riversa la propria insoddisfazione in aspri e sdegnati volantini.

BASTA CON LE ACCUSE E LE ILLAZIONI IDEOLOGICHE ! FACCIAMO CHIAREZZA !

Il Comune nell’arco di questi anni perderà 7 milioni di euro di entrate per mancati trasferimenti dalla Regione Lombardia e dallo Stato. Nonostante ciò l’Amministrazione di centrosinistra ha recentemente approvato il bilancio comunale, stanziando:

• 50.000 euro per borse lavoro;
• 50.000 euro per un fondo anti crisi;
• 50.000 euro per il nuovo Sportello lavoro del Comune;
• 700.000 euro per lavori di manutenzione nelle Scuole statali; (dal 2007 non si è più fatto nulla!)
• Sono stati aumentati i fondi al servizio dei trasporti pubblici;
• Si è ridotta l’addizionale Irpef per le fasce di reddito più basse.

Sono obiettivi raggiunti grazie al lavoro dei tecnici comunali e alla volontà di questa Maggioranza di far quadrare i conti del bilancio comunale, continuando a garantire i beni ed i servizi primari a tutela della qualità di vita di tutti i cittadini e spostando ogni centesimo possibile in favore dei più disagiati.

In questo quadro di CRISI ED EMERGENZA ECONOMICA PER LE CASSE COMUNALI, è indispensabile che il nuovo accordo tra Comune e Scuola Materna Don Stefano Bianchi trovi un punto di equilibrio che tenga conto dei bisogni reali di tutta la comunità, di tutti i contribuenti.

Per questo motivo l’Amministrazione Maiorano, non negando affatto la funzione pubblica e sussidiaria svolta dalla Scuola Materna Don Stefano Bianchi, garantirà ai bambini iscritti e residenti a Buccinasco un contributo definito sulla base delle capacità di reddito della famiglia e compatibile con la situazione del bilancio comunale.

L’accordo proposto dall’Amministrazione Maiorano appare, evidentemente, molto vantaggioso anche alla luce di un attento esame e confronto con altre contribuzioni analoghe in diversi comuni lombardi.

La vicenda rappresenta per la nostra Città un tema di discussione che si ripropone periodicamente; l’Amministrazione di centrosinistra sta lavorando per rendere la convenzione giuridicamente ineccepibile e per rendere chiaro, dettagliato al centesimo, e quindi trasparente per tutti i cittadini il bilancio della Scuola Materna.

Tutti devono sapere come viene speso il denaro del contribuente

Questo è l’unico metodo che permette all’Amministrazione di fare scelte con equità in nome e per conto di tutta la cittadinanza, non considerando la città un insieme di egoistici “orticelli” che guardano solo a sé, che chiedono di vedere soddisfatti i propri bisogni a prescindere dalla totalità dei fattori della comunità cittadina. La complessità di una città viva e importante come Buccinasco richiede equilibrio, rispetto e considerazione. Per tutti.

CAMBIA IL MONDO, CAMBIANO LE CONDIZIONI,
CAMBIAMO INSIEME CERCANDO L’EQUITÀ

vola

16 pensieri su “Buccinasco Italia : Scuola materna Don Stefano Bianchi. L’ombelico del mondo

  1. Chiedo se la cifra offerta dal Comune e contenuta nella proposta di accordo si basa sull’analisi dei bilanci della coperativa che ha in gestione l’asilo o se è una stima del massimo che si può spendere per questa voce.

  2. il volantino di questo comitato genitori è scandaloso, specialmente il passagio sui bambini disabili !!!

  3. Le strutture private le paghino i privati che decidono di utilizzarle. Un principio che garantisce libertà di scelta, semplice ed equo.

  4. ma se il comune(cioè noi cittadini)paga educatori della Aurora 2000 per i bimbi disabili che frequentano la scuola statale, cosa cambierebbe pagare educatori della Aurora 2000 per i bimbi disabili che frequentano la scuola paritaria? non credo che gli educatori della Aurora 2000 pretendano uno stipendio maggiorato per lavorare alla scuola paritaria!

  5. “Per questo motivo l’Amministrazione Maiorano garantirà ai bambini iscritti e residenti a Buccinasco un contributo definito sulla base delle capacità di reddito della famiglia.”

    Ai fan della scuola parrocchiale non va giù il fatto che i contributi alle famiglie dei bimbi frequentanti siano CORRELATI ai valori ISEE* delle stesse, ho capito bene?
    Preferirebbero gestire loro l’ammontare delle rette facendo pagare magari la stessa quota ad una famiglia facoltosa e a una indigente? Ho capito bene?

    * ISEE –> http://it.wikipedia.org/wiki/ISEE

  6. La cifra stanziata dal Comune x la materna Don Stefano Bianchi e’ di 470.000 € , cioè + del triplo di quanto in toto stanziato dal comune per borse lavoro; per un fondo anti crisi; per il nuovo Sportello lavoro del Comune!

    Cambiamo insieme cercando l’equità: ecco, stiamo cercandola appunto, siam molto lontani dall’averla trovata ! ;-)

    “Lascia la spada se il cuor non ti regge, perché questa è la strada, che da noi fuorilegge, ti porterà !” La freccia nera. 1968.

  7. Ma cosa gli frega al comitato genitori di e ai genitori che lo seguono di quanti soldi il Comune dà alla scuola paritaria, io la chiamo privata, importante è fare casino, ma chi li guida?
    Un Comune che da molti più soldi di quanti ne danno tanti altri Comuni dovrebbe essere ringraziato poichè quei soldi sono di tutti i cittadini, di tutti è chiaro?.
    La Costituzione Italiana parla di scuole private, cosiddette paritarie; se ne possono fare quante se ne vogliono MA SENZA ONERI PER LO STATO.
    Luigi.

  8. E’ proprio questo il problema: quando si parla di problemi relativi ai bambini le famiglie sono molto sensibili e proprio per questo il rischio di strumentalizzazione è alto.

  9. le tasse a buccinasco le paghiamo anche noi e poi ricordo che l’asilo parrocchiale non è privato chiedetelo al sindato che fino a giugno del 2012 le sue nipoti frequentavano l’asilo parrocchiale pagando come in un asilo statale, allora gli andava bene adesso no
    e no.
    Rino poi se devi parlare dell’ asilo raccontala tutta non solo quello che ti conviene per far passare noi genitori come dei mangia soldi
    NOI VOGLIAMO LA LIBERTA’ DI POTER SCEGLIERE come e dove educare i nostri figli
    Per voi e’ sola una questione ideologica.

  10. IO VOGLIO A TUE SPESE. Conciso e molto comunista! ( quel che tuo è mio e quel che è mio è mio )

  11. per il comunista perche’ prima di parlare non si informa anzi si faccia fare chiarezza dal suo amico pruiti ……………………………………………………non voglio certo i suoi soldi non si preoccupi lei non ha proprio capito di cosa si sta parlando
    laura ………………………………………………………………………………………………………….
    le parole vanno al vento le opere rimangono………………………………….

  12. Laura, il problema purtroppo è che tu/voi hai finito gli argomenti da un pezzo e ti rimangono solo gli slogan e l’ideologia (con delle punte di odio umano molto poco cristiane). Noi siamo decisamente “oltre”, informati tu dai tuoi amici che stanno “trattando” in maniera molto laica la convenzione.

  13. Sig.ra Laura in parte ha ragione, il torto sta nel fatto che per molti anni alla Parrochiale si e dato tanto e molto, sia in termini economici che in termini di ediliza comunale e anche Regionale, quello che ha torto è già stato concesso non vuol dire essere dei diritti acquisiti, quello che ha torto è già stato concesso ha permesso alla Parrochiale tariffe diferenziate, ma non solo per problemi economici, ma anche se semplicemente in presenza di famiglia allargata (se poi tale famiglie non erano di Buccinasco poco importa). Ora Sig.ra Laura, se non se ne è accorta, i cittadini tutti di Buccinasco (comune), Milano (provincia), Lombardia (regione), Italia (stato) stanno tirando la cinghia, MA COME PRETENDE CHE NOI TUTTI CITTADINI DI BUCCINASCO PAGHIAMO PER MANTENERE I PRIVILEGI CHE VI SONO DA SEMPRE STATI CONCESSI?

  14. Da contribuente, sono veramente sconcertato nel comprendere come tutto il dibattito sia incentrato su ideologie politiche. La nuova gestione di sinistra buonista deve fare i conti con i tagli centrali, cercando di aiutare i più deboli ma di fatto punta a portare voti dalla propria parte sponsorizzando la scelta pubblica senza presentare con trasparenza un confronto dei costi unitari a bambino della scuola pubblica con quelli della scuola Don Stefano Bianchi e facendo un braccio di ferro con una realtà che nasce proprio con l’obiettivo di dare una risposta a questi bisogni, solo che spinta da un forte mandato cristiano. Nessuno parla del servizio, dei valori e della passione che ogni giorno mettono le insegnanti e tutto lo staff che a confronto di buste paga sono sicuramente più allineate alle esigenze di ristrutturazione e contenimento dei costi che la crisi tanto enfatizzata impone rispetto alle insegnanti della scuola pubblica. Perchè non dice l’ illuminato Sindaco quanto percepisce netto orario una insegnante della scuola pubblica e quanto un insegnante della scuola in oggetto. Perchè l’Esimio Sindaco che si pone l’obiettivo di sostenere i più deboli non pensa che la convenzione proposta sarà causa di licenziamento di persone, magari con ideologia diversa, ma persone, lavoratrici, serie e dedicate ai bambini e che senza grandi pretese lavorano sabati e domeniche per garantire un servizio (usufruito anche dalla giunta in carica) incentrato sull’amore per il proprio lavoro e mettendo comunque al centro i bambini di Buccinasco? (quanti scioperi avrebbe fatto il servizio pubblico davanti a questa situazione? Le nostre maestre non hanno causato un giorno di disservizio). Certo chiedere di fare valutazioni di questo tipo che dovrebbero essere alle origini di una buona gestione di azienda e paese è troppo, ma da cittadino indignato ormai mi sorprenderebbe il contrario.

  15. Flavio, ci risiamo, hai scritto una sbrodolata di cose che non c’azzeccano nulla, che anche se fossero vere e non lo sono, non spostano il problema.
    L’esimio Sindaco è quello che ha trovato una soluzione per salvare capra e cavoli, con molti problemi oggettivi e che dovrà trovare anche il modo di convincere tutti i Consiglieri di maggioranza che dovranno VOTARE in Consiglio comunale la nuova convenzione… credimi, ad oggi non ho certezze che questo avvenga di sicuro, proprio per colpa di quelli come te che continuano con questo atteggiamento idelogico e settario.

    1) Gli insegnanti della scuola Statale (per me Stato si scrive con la S maiuscola), li PAGA lo STATO, non il COMUNE di BUCCINASCO, se ci danno i soldi per pagarli ne riparliamo.
    2) A me come contribuente lo STATO fa pagare un sacco di tasse e senza darmi servizi adeguati. Sono molto indignato.
    3) Se questa amministrazione non fosse convinta dei valori e dell’utilità dell’asilo paritario… non ci sarebbe nemmeno questa discussione.
    4) Sugli scioperi delle maestre era meglio tu non avessi scritto nulla, se non lo capisci è meglio che te lo fai spiegare.
    5) La “buona gestione” e la trasparenza sono, appunto, una filosofia dell’Aministrazione Maiorano, noi dobbiamo rendere conto a TUTTI dei soldi che spendiamo, a differenza di chi ci ha preceduto.

  16. E’ semplicemente fantastico vedere come alcuni si arroghino la pretesa di decidere come spendere i soldi che sono ANCHE di altri.

    Io non metto in dubbio la passione degli insegnati (del privato e ma anche del del Pubblico) ma rifiuto che parte delle delle mie tasse vada a finaziare iniziative che, a tutti gli effetti, sono solo private.

    Hai scelto un’offerta diversa da quella Pubblica ?
    Hai fatto bene se sei contento e convinto.
    PAGATELA DI TASCA TUA!!!!

    Sino ad ora ho letto e non ho anteposto alcun pregiudizio ma, vista la faziosita’ “cattolica integralista” vi dico solo: chiedete i soldi alla CDO e arrangiatevi !

    Spero proprio che il Consiglio Comunale non approvi il rinnovo della convenzione e che la somma risparmiata venga dirottata sulle strutture Pubbliche.

Rispondi