BUCCINASCO: E ADESSO QUERELATECI TUTTI

Oramai il Sindaco Cereda e la sua Giunta ci hanno abituato a prese di posizioni e decisioni “imbarazzanti”. Questa volta credo si siano superati. Ieri ho ricevuto questo comunicato stampa (clicca QUI). In pratica, con i nostri soldi, il Sindaco e la Giunta hanno querelato la RAI, IL CORRIERE DELLA SERA e L’ESPRESSO, perchè? Perchè hanno “osato” scrivere che a Buccinasco esiste la ‘ndrangheta e l’Amministrazione comunale non sta facendo tutto quello che potrebbe fare per un’attenta assegnazione dei beni confiscati alle mafie. Nel comunicato del Comune si va oltre, evidentemente si sono rotti tutti i freni inibitori, si dice testualmente: “… campagna denigratoria e diffamatoria messa in atto da parte di certa stampa, favorita anche dall’atteggiamento di alcuni esponenti dell’opposizione… “. Siccome io sono uno di quelli che sta all’opposizione (meno male) sarei anche uno di quelli che “favorisce” la diffamazione del mio Comune! Vi rendete conto? Chi lotta e chi scrive per affermare la “cultura della legalità”, secondo lor signori, diffama il Comune! Va querelato! (sempre a vostre spese però).
Ma allora tutti i libri, i documenti, i processi, i verbali, gli arresti, i sequestri di persona avvenuti a Buccinasco sono DIFFAMANTI PER IL COMUNE? La realtà giudiziaria non esiste? Come mai allora ci sono 9 beni immobili sequestrati alle mafie nella disponibilità del Comune? Da dove sarebbero arrivati?
Che fare con scrittori come Roberto Saviano? Andrebbe subito querelato! Andrebbero querelati e condannati anche tutti quei giornalisti UCCISI DALLA MAFIA PER AVER SCRITTO (quindi secondo Cereda diffamato) di Palermo, Cosenza, Bari, Platì, Catanzaro, Milano…
A questa Amministrazione, noi della minoranza, avevamo offerto un “appoggio” morale e politico, una sorta di condivisione del problema, un’unità di azione, ma se questa è la risposta vuol dire che preferiscono rimanere soli… auguri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.