#Buccinasco: il comune non è “cattivo e insensibile” ma fa rispettare la legge e le regole.

veritasA #Buccinasco abbiamo dovuto sgomberare oggi un appartamento (che ci è stato affidato dal demanio e confiscato alle mafie), occupato da persone senza titolo. Abbiamo spiegato a tutti le ragioni, ma mi vedo costretto a intervenire perchè i media stanno ignorando la verità ed il mio comune sta passando per “cattivo e insensibile”.

Ecco il comunicato che abbiamo inviato ai media, ovviamente non ci sono tutte le informazioni e le motivazioni per motivi di privacy, ma se continuano le accuse non avrò remore a pubblicare tutto.

“Abbiamo aiutato la signora Tassoni e la sua famiglia – spiega il sindaco Maiorano – e continueremo ad aiutarli con tutti gli strumenti che abbiamo. Quando a luglio 2015 sono entrati nell’appartamento di via don Minzoni ero stato molto chiaro, quella era e doveva rimanere una situazione di emergenza ed era necessario che la famiglia trovasse una soluzione (sempre con il nostro supporto, mai mancato). Il figlio 29enne non poteva restare senza domicilio perché allora era agli arresti domiciliari: ora non lo è più, certo è difficile trovare un impiego ma credo che sia stato un errore da parte sua rifiutare il tirocinio proposto, di fatto rinunciando all’unica oppurtunità di un’ulteriore entrata utile per tutta la famiglia dopo l’arresto”.

“Il contratto di comodato gratuito – continua il primo cittadino – prevedeva che lasciassero l’appartamento a dicembre 2015. Il Comune ha concesso due proroghe fino a maggio e poi ancora fino ad oggi. Ora non è più possibile anche perché c’è una famiglia con un minore gravemente malato che ha la necessità di entrare. Capisco le gravi difficoltà ma le case di emergenza servono proprio per tamponare situazioni disperate per periodi brevi. In questo caso la famiglia percepisce un reddito seppur minimo, la signora ha un lavoro part time, il marito (di nazionalità egiziana) ha una pensione di invalidità e potranno contare anche su aiuti economici del Comune. Non è più possibile tuttavia occupare un appartamento che non gli spetta“.

Rino Pruiti
Vice Sindaco
Buccinasco MI

 

3 commenti

  • Pingback: #Buccinasco: il comune non è “cattivo e insensibile” ma fa rispettare la legge e le regole. - Rino Pruiti [il blog] Buccinasco - Webpedia

  • Bruno Cattoli

    Le soluzioni temporanee dovrebbero servire a trovare soluzioni definitive.
    Nel caso della sig.ta Tassone,, vista la situazione reddituale e la fragilità del nucleo familiare,, l’unica soluzione posssibile sarebbe l’ assegnazione di un alloggio popolare.
    Purtoppo gli alloggi popolari assegnati a Buccinasco sono pochissimi e di gran lunga insufficienti rispetto alle necessità e quindi la soluzione ponte della famiglia Tassone si è rivelata un ponte verso il nulla.
    Quindi parlare di rispetto delle regole in questo contesto è quantomeno riduttivo.
    Il vero problema è che il comune di Buccinasco, come purtroppo molti altri, non riesce a dare una risposta adeguata neppure alle situazioni socialmente più rilevanti.
    Rimane il fatto che l’uso della forza,, con le conseguenze che ha provocato in questo caso, a nostro avviso è sempre da evitare laddove rivolto contro soggetti in difficoltà
    Bruno Cattoli- Unione Inquilini milano

  • Sig, Bruno lei parla, come molti in questo periodo a Buccinasco, senza sapere le cose. Non c’è nessun contratto d’affitto ma solo un comodato temporaneo, rinnovato più volte per l’uso di un appartamento confiscato alle mafie. Stare oltre 14 mesi gratis poteva essere una opportunità se i componenti della famiglia si fossero positivamente attivati per la ricerca di un lavoro e di un alloggio. Se avessero accettato il lavoro offerto. Gli stessi funzionari comunali hanno fatto diverse segnalazioni e offerto “collaborazione” sia tecnica che economica. La lista di attesa di emergenza è composta da diversi casi ben più gravi della Tassone.

    Essendo Vice Sindaco pro-tempore fino a maggio, per il rispetto della mia carica, delle leggi sulla privacy, con molto carità “cristiana”… non aggiungo altro che potrei aggiungere supportato da documenti e testimonianze, perchè questo aggraverebbe ulteriormente la situazione di questi nostri concittadini in difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.